Rete territoriale

Animazione di rete

Coinvolgendo gli Ambiti Territoriali, gli Ets (enti del terzo settore) e altre istituzioni pubbliche locali (comuni, scuole, autorità sanitarie ecc.), verrà realizzato un percorso di animazione territoriale, con l’obiettivo di definire un documento condiviso sul tema dell’invecchiamento attivo, che possa fungere da riferimento a sostegno delle politiche per l’invecchiamento attivo e per future azioni territoriali.
Operativamente sono previsti 4 tavoli di lavoro multistakeholder , nei quali soggetti diversi si confronteranno per analizzare il quadro delle politiche locali e definire obiettivi ed azioni comuni in materia di invecchiamento attivo e scambio intergenerazionale.
Gli incontri si svolgeranno, compatibilmente con l’andamento dell’emergenza sanitaria e nel rispetto delle disposizioni in vigore, favorendo la modalità on line.

Sostegno a nuove realtà associative

Si realizzerà un censimento dei centri di aggregazione sociale dedicati agli anziani, con attività svolte e servizi offerti, presenti nei territori del progetto, con attenzione ai più colpiti dal sisma del 2016.
In particolare laddove questi centri risultino assenti, si darà un supporto a gruppi di cittadini che intendano dare vita a realtà associative, con lo scopo di rivitalizzare il tessuto sociale e offrire agli anziani un ruolo attivo, anche attraverso il lavoro avviato nei tavoli territoriali. In coerenza con la sua mission istituzionale, a seguire questi percorsi sarà il partner CSV Marche.

Presentazione risultati e documento condiviso

A completamento del percorso di animazione territoriale, sono previsti eventi locali di restituzione dei risultati, e a conclusione dell’intero progetto una conferenza regionale sull’invecchiamento attivo e la solidarietà intergenerazionale, da tenersi ad Ascoli Piceno, con ospiti sul piano nazionale ed europeo, per condividere un’analisi aggiornata del contesto territoriale, favorire lo scambio di buone prassi, anche con contesti diversi da quelli locali, discutere dei percorsi istituzionali e non attivati, presentare il Documento condiviso sull’invecchiamento attivo per una nuova agenda territoriale in materia.
Gli eventi in questione saranno realizzati compatibilmente con l’andamento dell’emergenza sanitaria e nel rispetto delle disposizioni in vigore.